INCONTRI #10 in digitale ma con molti ospiti!

04.06.2021
“Flessibilità” e “fiducia” le parole chiave dell’ultima edizione di INCONTRI, lo scorso 26 e 27 maggio.
IDM non ha voluto mancare la sua annuale Film Conference con i rappresentanti italiani e internazionali dell'industria dell'audiovisivo, a maggior ragione in un momento di così forte transizione dovuto allo scenario prodotto dalla pandemia.
Questa 10. edizione ha spostato il dibattito online, chiamando al confronto alcune tra le più importanti voci del settore per riflettere sul futuro di festival e premi cinematografici, sulla convivenza di piattaforme di streaming e sale, per provare ad immaginare insieme come trasformare in opportunità le sfide e le difficoltà di una fase inevitabilmente segnata dal Covid.
 
“Quello che abbiamo imparato è che di sicuro possono esistere edizioni online dei festival ma nulla è comparabile alla promozione e alle emozioni che avvengono dal vivo. Il red carpet, il photo call, le conferenze stampa: la ritualità del festival non ha eguali”. Il Direttore della Mostra del Cinema di Venezia Alberto Barbera non ha dubbi sul ruolo centrale delle kermesse per la promozione di un’opera: “Pensiamo solo alla selezione che un festival può fare a livello di contenuti!”. 
Chi sta lavorando al rinnovamento di un altro grande appuntamento è Carlo Chatrian, Co-Direttore della Berlinale, che a INCONTRI ha spiegato come l’edizione 2021, attesa a giorni, “É confermata con proiezioni all’esterno in più di 20 location in contemporanea. Ridurre il numero delle proiezioni è una buona soluzione per il futuro, anche a livello ambientale”.
Un aspetto del digitale che sarebbe bello mantenere anche in futuro, secondo Matthijs Wouter Knol (Direttore EFA-European Film Awards) è l’allargamento della comunità: “Si può raggiungere un pubblico differente con l’edizione online, rispetto al solo pubblico in presenza”. A dialogare con loro anche Piera Detassis, presidente dell’Accademia dei David di Donatello.
A INCONTRI si è parlato anche di distribuzione e per il neo AD di Cinecittà Luce Nicola MaccanicoLa flessibilità è il futuro: abbiamo bisogno delle sale così come ne hanno bisogno le piattaforme”. Tra quelle nate proprio sotto lockdown c’è anche MIOCINEMA, co-fondata da Andrea Occhipinti CEO Lucky Red, che ci ha parlato dei risultati di questo progetto: “L’idea era di creare una comunità per dialogare con il pubblico e dare reddito alle sale. Il successo può essere determinato da vari fattori, anche da una commistione di sala e piattaforma. Andare in sala resta comunque un’esperienza sociale e ne abbiamo di sicuro bisogno”.